mercoledì 26 febbraio 2014

Le parole scritte

C'era una volta....così iniziava la favola scritta nel libricino che Rachele aveva tra le mani. Le era caduto addosso mentre cercava di sfilare, da una pila di libri, una raccolta di aforismi.
In piedi, davanti alla libreria, lo sfogliò pian piano. Aveva quasi dimenticato di possederlo.
Passando la mano, sulla carta ingiallita, cercò il contatto con il passato.
Il giovane viso di sua madre, che leggeva lentamente, le affiorò in un istante. Una leggera macchia, all'angolo destro, le ricordò il segno lasciato dal suo indice, umido di saliva, nel girare la pagina. Gesto che era solita fare con il mignolo in su. 
E quelle pagine erano state girate tante volte!

Senza distogliere lo sguardo, si incamminò verso la poltroncina, che accoglieva e avvolgeva il suo corpo minuto. Aggrottò le sopracciglia al di sopra degli occhiali; fu come se provasse stupore per qualcosa di totalmente sconosciuto. Ma la favola, che terminava con vissero felici e contenti, lei la conosceva e la ricordava.
Andò all'ultima pagina per assicurarsi che il finale fosse rimasto così. Che il tempo, o un dispettoso folletto, non lo avesse modificato. Cercò tra le righe i nomi dei personaggi; erano tutti li al loro posto.
Cenerentola, le sorellastre, la perfida matrigna, la fata e il principe. Le parole scritte restano per sempre, pensò ovviamente Rachele. Aveva letto, da qualche parte, che esse hanno un grande potere. Sono magiche! e se usate male possono essere pericolose.
Chiuse il libro e, tenendo il segno con la mano, la sua mente formulò velocemente una domanda.
Se la favola non fosse stata scritta, ma tramandata verbalmente dai cantastorie, le cose, per Cenerentola & Company, sarebbero andate così?
I cantastorie, già! personaggi poco affidabili! a volte improvvisavano, modificavano eventi, aggiungevano e toglievano personaggi. Così, tanto per suscitare interesse e curiosità, per una storia più volte raccontata. Classifichiamo in questo modo una persona che non ce la "conta" giusta, no?
Per non parlare poi dello spettatore! Tornando a casa avrebbe raccontato, a modo suo, ciò che aveva ascoltato, cambiando sicuramente qualcosa, in base a ciò che aveva recepito.
Oggi a noi sarebbe arrivata, necessariamente, una storia completamente diversa. Magari questa:

Il principe non degnò nemmeno di uno sguardo la bella Cenerentola, bensì si innamorò della perfida matrigna e la sposò. No, non andò così, quella sera a palazzo i principi erano tre; restarono ammaliati dalle brutte sorellastre e ne fecero tre splendide principesse.
La bella Cenerentola sarebbe rimasta a bocca  asciutta.

(Ma no, direte voi, ed io che sto scrivendo, si sa che i Principi, specie se azzurri, sposano sempre le povere e dolcissime Cenerentole!!!)

Il massimo della sfiga sarebbe stato poi, per la fanciulla , di dover rimane a casa a causa di un forte malessere che colpì la fata e, si sa, che quando le fate si ammalano perdono i poteri.
Quindi, niente trasformazione di zucca in carrozza, di topi in cavalli e di vestito cencioso in uno splendido abito.

Ma la favola era stata scritta e con essa il destino dei loro protagonisti. Avevano ubbidito alla penna del loro scrittore, come sudditi devoti al loro Re.
Nessuno sarebbe in grado di dimostrare, oggi, che le cose andarono diversamente, neanche se ne fosse stato spettatore; e le cose andarono proprio così, sigillate nelle parole scritte.
Rachele riaprì il libro come se si fosse svegliata da un sogno, lesse ancora qualche pagina e la sua riflessione reclamò di nuovo attenzione.

L'importanza  delle parole scritte!




  



lunedì 17 febbraio 2014

Ho ritirato il mio premio

Finalmente oggi ritiro il mio premio:


bellissimo!!!

Il mio blog è nato da pochi giorni e non potevo neanche immaginare  che, la nutellosa Sandy Sogna , potesse premiarlo!!! 

E qui viene il bello! Per poterlo ritirare devo seguire queste regole:


1. Elencare sette cose di me
2. Elencare 15 blog a cui donare a mia volta il premio
3. Avvisare i suddetti premiati
4. Ringraziare il blog che mi ha premiato
5. Inserire il grazioso bannerino (quello che vedete in questo post)

Ringrazio commossa il blog Sandy Sogna........non puoi capire che salti di gioia ho fatto, fino ad arrivare al soffitto e ricadere!!! Per fortuna che abito a piano terra,quindi nessun fastidio per l'inquilino sottostante. Dopo di che vado ad elencare sette cose di me.

1) amo molto i colori, dalle sfumature pastello a quelle solari. Ho bandito il nero dal mio abbigliamento, ma a volte mi vesto di blu.

2) ho scelto di vivere la MIA VITA  e di essere ME STESSA con conseguente cancellazione da alcune "cerchie" (tanto per usare il linguaggio google+) risultato: godo di ottima salute.

3) la mia casa è piena di quadri e di foto (altra mia grande passione) di lampade e soprammobili (ci metto una vita per spolverare).

4) sono fermamente sicura che gli Angeli esistono - è veroooooo ne ho le prove- e sono la mia compagnia preferita, rispettano il mio libero arbitrio e agiscono solo se chiedo loro di farlo. Vi pare poco???

5) accendo spesso delle candeline in tutte le stanze, la luce per me è fondamentale, soprattutto quella interiore.

6) uso un trucco molto leggero, ma non deve mancare mai il rossetto, rosa o naturale, oso a volte con il rosso, colore che prediligo, appunto, solo nei rossetti.

7) prima di addormentarmi, oltre a ringraziare Colui che mi ha insegnato tante cose, leggo finchè non mi vince il sonno. Ebbene si amo leggere e scrivere (meno male che ho imparato a farlo). Sono tanti i miei interessi,la pittura, perlinare, cucinare il ricamo ecc..Ma trovo sempre il tempo per essere e dare AMORE!

Bene, fin qui ci sono arrivata, confesso con un po di fatica. Ora passiamo ai blog da premiare:

1. http://maghelladicasa.blogspot.it/
2. http://armandobruzzesi.blogspot.it/
3. http://hermioneat.blogspot.it/
4. http://tuttartepitturadecoupage.blogspot.it/
5. http://ceramicacomemestiere.blogspot.it/
6. http://storiestoriestorie.blogspot.it/
7. http://giunone961.blogspot.it/
8. http://monicascotti30.blogspot.it/
9. http://diarioluoghicieli.blogspot.it/

E qui mi fermo, la mia "giovane" presenza nel mondo del blog, non mi consente di aggiungerne altri.



mercoledì 12 febbraio 2014

Il tuo corpo

Abbi cura del tuo corpo. Rendi confortevole la dimora della tua Anima. Durante il suo viaggio di ritorno, alla mente di Dio, si ricorderà di te.
Di quel breve soggiorno apprezzerà tutto quello che hai fatto per farle adempiere, nel miglior modo possibile, il suo compito terreno.
Sentirà ancora il calore dell'involucro che l'ha ospitata; che non le ha fatto mancare il giusto cibo, la giusta acqua ed il caldo giaciglio.
Quando tornerà, ospite di nuovo sulla Terra, se mai le capiterà di venire in contatto con ciò che hai lasciato qui, ti riconoscerà.
Allora si ricorderà che in quella sana e meravigliosa dimora è stata accolta con Amore.
                     

domenica 9 febbraio 2014

Disconnessione da internet.

Una cosa è certa! nel luogo dove andremo, quando lasceremo questo pianeta, non ci sarà più bisogno di internet per accedere al sapere.
Non sarà necessario un modem collegato ad un computer, ne una connessione WIFI.
Ci troveremo all'interno di quella grande rete che ha dato origine al tutto.
Tornando alla Matrix Divina, luogo, presumo, da dove siamo venuti, tutto sarà svelato e capito.
Ora però, qui sulla Terra, avrei bisogno di quella ricettina che avevo salvato nei preferiti!!
Per favore riconnetiti.......

venerdì 7 febbraio 2014

Mi chiamo Patrizia e vi do il benvenuto nel mio blog.

La sensazione che sto provando,mentre scrivo il mio primo post,è quella di stare su di un palcoscenico.
Guardo la platea; mamma mia quante persone!
Tanti occhi che mi guardano e tante orecchie che mi ascoltano.
Cosa avrà da dirci Patrizia?
Inizio dicendovi che amo le rose e i girasoli,ma l'uso della parola fa di me una persona comunicativa.
La comunicazione avviene tramite tanti mezzi. Il verbo,lo sguardo,il movimento delle mani,la danza......Tutto il corpo comunica, anche il silenzio comunica!
Ma è con la scrittura che raggiunge la massima espressione. Ed io l'ho usata per molto tempo.
Poichè nella vita tutto evolve e si trasforma, altri interessi mi hanno allontanato dalla penna.
Quella penna che oggi vuole tornare a scrivere ed io desidero accontentarla.
Per ora mi fermo qui, faccio un inchino ed esco dal palcoscenico,ma tornerò presto con un altro post.